Cronaca

Politica

Iniziative

Salute

Come avere un’igiene perfetta della vasca da bagno in acrilico

redazione

Come avere un’igiene perfetta della vasca da bagno in acrilico

Condividi su:

venerdì 08 Maggio 2020 - 00:49
Come avere un’igiene perfetta della vasca da bagno in acrilico

Al giorno d’oggi, complice la maggiore attitudine dell’interior design per i materiali nuovi e innovativi, ogni angolo della casa risente delle tendenze arredo del momento. Le resine e i minerali compositi sono sempre più protagonisti anche della sala da bagno, dove in realtà l’uso dell’acrilico sta diventando sempre più massiccio per vasca da bagno e sanitari.

Già, l’acrilico, quel materiale caldo al tatto, al contrario di vetro e ceramica, che tuttavia ne mima la superficie liscia e mantiene alla perfezione la temperatura. Le vasche da bagno acrylic sono per questo sempre più scelte, puntando anche sulla facilità di lavorazione e modellazione del prodotto, che permette di avere un su misura bello e funzionale.

Un piccolo tasto dolente però esiste ed è la delicatezza ai graffi. Per la pulizia della vasca da bagno in acrilico dobbiamo quindi fare molta attenzione ed evitare alcuni prodotti che invece si usano normalmente per le ceramiche. Banditi in particolare i detergenti abrasivi e le spugnette metalliche, che potrebbero alterare in maniera irreversibile la superficie.

Quindi come si pulisce l’acrilico della vasca e dei sanitari? Il modo più sicuro è utilizzando i prodotti appositi, che in genere hanno un’azione bifasica igienizzante e lucidante. Questi detergenti sono privi di sostanze abrasive e decoloranti, ma contengono invece ingredienti utili a smacchiare, pulire e ripristinare l’aspetto ottimale delle superfici acriliche.

Leggiamo sempre le istruzioni sul prodotto, ma in genere l’uso è molto semplice e intuitivo e prevede che il detergente sia versato in piccola quantità su una spugnetta morbida, strofinando sulla vasca da bagno in acrilico inumidita. L’azione meccanica della spugna e quella chimica del detergente aiuteranno ad asportare sporcizia, macchie e aloni.

Successivamente possiamo andare a risciacquare col doccino o ripassando la spugna, stavolta pulita e imbevuta di acqua, su tutta la superficie trattata. Per evitare che la nostra vasca sia difficile da pulire, possiamo anche lavarla una volta ogni 5-7 giorni con un comune detersivo per piatti privo di componenti abrasive, usando sempre una spugna morbida.

Evitiamo i prodotti a base di alcol o quelli colorati però, in quanto potrebbero macchiare la nostra vasca da bagno in acrilico. Se volessimo igienizzarla in modo naturale, usiamo piuttosto l’aceto di vino bianco, mischiato con acqua distillata e poche gocce di olio essenziale di limone o lavanda, ci aiuterà a disinfettare e deodorare il tutto. Dopo sciacquiamo via.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta