Cronaca

Politica

Iniziative

Salute

Come eliminare l’umidità in casa

redazione

Come eliminare l’umidità in casa

Condividi su:

lunedì 11 Maggio 2020 - 21:30
Come eliminare l’umidità in casa

L’umidità è un problema molto fastidioso e comune nelle abitazioni. Oltre che essere antiestetico avere l’umidità in casa può essere anche dannosa per la salute, poiché facilita lo sviluppo di muffa, creando così la condizione perfetta per la proliferazione di acari, polveri e cattivi odori. Le conseguenze di tutto questo per il nostro organismo sono piuttosto gravi come lo sviluppo di allergie e malattie a livello respiratorio.

L’umidità ideale

Per vivere bene e in salute sotto il proprio tetto è necessario avere la giusta umidità in casa, per questo è fondamentale misurarla. Il tasso di umidità ideale in un’abitazione che supera il 6o/70% può essere pericolosa e provocare la formazione di muffa. Per tenere sotto controllo il tasso di umidità in casa è possibile usufruire di un dispositivo chiamato igrometro o sensore di umidità. Quest’ultimo deve essere posizionato in un’area della casa non soggetto ad umidità come il bagno, dove il vapore causato ad esempio dalla doccia potrebbe alterare il risultato.

Cosa causa l’umidità in casa?

Sono diversi i fattori che possono determinare un eccesso di umidità in casa, ecco quali:
– Infiltrazioni nei muri, se vi sono delle piccole crepe sui muri è possibile che vi siano delle infiltrazioni d’acqua che causano umidità.
– Fondamenta dell’abitazione costruite male, nel caso in cui le mura della fondamenta siano in costante contatto con l’acqua, l’umidità può risalire sui muri fino ad un metro e mezzo.
– Perdite d’acqua, in casa ci possono essere diverse perdite d’acqua come dal rubinetto o da alcuni elettrodomestici come la lavatrice o l’asciugatrice che influenzano negativamente sul tasso di umidità in casa.
– Condensa del vapore, se le stanze della casa vengono poco arieggiate è possibili che si formi della condensa dovuta al vapore e far aumentare così il tasso di umidità.
– Attività domestiche, alcune attività quotidiane come fare la doccia, il bagno, cucinare o asciugare i panni, possono causare umidità.

Come prevenire e rimuovere l’umidità in casa

Per fortuna esistono delle soluzioni che permettono di prevenire l’insorgenza dell’umidità e di rimuoverla in maniera efficace. Ecco come fare per contrastare ed eliminare l’umidità in casa.

1. Arieggiare ogni giorno

Aprire le finestre è il primo passo per tenere lontano dalle vostre case l’umidità. Un’azione molto semplice da fare ogni giorno per evitare che si formazione di muffa, acari ed impurità. Grazie al circolo dell’aria, infatti, l’umidità si asciuga in maniera naturale e i funghi e i batteri non possono proliferare. Ecco perché tenendo le finestre aperte si eliminano anche i cattivi odori. Bisognerebbe tenere le finestre aperte almeno 15-20 minuti al giorno.

2. Aprire le finestre dopo aver fatto il bagno o la doccia

Dopo aver fatto il bagno o la doccia si crea molto vapore, per questo è fondamentale aprire la finestra e arieggiare per far fuoriuscire tutto il vapore e non creare umidità. Nel caso in cui il bagno fosse sprovvisto di finestra è possibile azionare la ventola.

3. Non far asciugare i panni in casa

Uno delle cause più comuni dell’umidità in casa è il far asciugare i panni in casa. Se proprio non è possibile stendere il bucato fuori sarebbe meglio posizionare lo stendibiancheria in una stanza con la finestra aperta. In questo modo, almeno, si evita che il bucato bagnato crei condensa e vi è un costante ricambio dell’aria.

4. Limitare il numero di piante in casa

Avete il pollice verde? Benissimo, ma attenzione a non mettere troppe piante in casa. L’acqua presente nei sottovasi e quella utilizzata per innaffiarle incrementano l’umidità.

5. Evitare di posizionare mobili ingombranti davanti a punti luce

Mobili ingombranti come armadi e cassettiere alte non vanno mai posizionate davanti ai punti luce della casa come finestre e balconi, poiché limiterebbero la luce e l’areazione della casa che, come detto in precedenza, è fondamentale per prevenire la formazione di umidità.

6. Non coprire l’umidità

Con la comparsa dell’umidità molte persone commettono l’errore di coprirla posizionando un mobile o altri oggetti. In questo modo non si fa altro che peggiorare la situazione perché questi oggetti non fanno altro che bloccare la circolazione dell’aria, facendo così rimanere intrappolata la muffa e favorendo la proliferazione dei batteri. La cosa migliore da fare è quella di posizionare i mobili a una certa distanza dal muro, in modo tale da avere lo spazio necessario per far circolare l’aria.

7. Realizzare un deumidificatore fai da te con il sale grosso

Il sale grosso è ottimo per assorbire l’umidità in eccesso. Per realizzare un deumidificatore fai da te con il sale grosso non basta altro che inserire del sale grosso all’interno di un contenitore o un vaso e posizionarlo nei punti in cui è presente l’umidità o si forma condensa. L’ideale sarebbe posizionare ogni 4 metri 200 grammi di sale grosso. L’acqua raccolta dal contenitore dovrà essere svuotata periodicamente.

8. Utilizzare la lampada di sale

In alternativa al sale grosso è possibile utilizzare anche le lampade di sale. Queste, oltre ad assorbire l’umidità in eccesso, sono anche belle da vedere e creano una luce soffusa che crea atmosfera. Le lampade di sale sono realizzate con sale rosa dell’Himalaya che è molto più puro e consente di deumidificare l’ambiente circostante. Non preoccupatevi per la bolletta, in quanto hanno un consumo energetico molto basso.

9. Piante esotiche

Un’altra soluzione per eliminare l’umidità in maniera naturale è quella di mettere delle piante esotiche in casa. Queste oltre ad arredare l’ambiente funzionano anche come deumidificatori naturali. Le piante, infatti, attraverso le loro foglie riescono ad assorbire l’umidità in eccesso. Alcune piante in particolare, poi, riescono anche a rendere l’ambiente più salubre perché sono in grado di assorbire anche altre sostanze come formaldeide, xilene, toluene e altre tossine e spore varie.

10. Eliminare l’umidità dai muri con l’aceto

L’aceto bianco è un valido alleato per le pulizie domestiche, anche se non ha un odore molto piacevole. Quest’ultimo può essere utilizzato per la pulizia di diverse zone della casa, ma è particolarmente indicato per eliminare i cattivi odori rilasciati dall’umidità. Per creare la soluzione con l’aceto basta versare in uno spruzzino vuoto mezza tazza di aceto bianco e un quarto di tazza di acqua e agitare bene. La soluzione va spruzzata sulle pareti tutti i giorni.

Fonte: unadonna.it

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta