Cronaca

Politica

Iniziative

Salute

I pontili dello Stagnone e le 100.000 € che non arrivano. La Regione: “Si attende l’ok del governo nazionale”

redazione

I pontili dello Stagnone e le 100.000 € che non arrivano. La Regione: “Si attende l’ok del governo nazionale”

Condividi su:

mercoledì 01 Luglio 2020 - 07:30
I pontili dello Stagnone e le 100.000 € che non arrivano. La Regione: “Si attende l’ok del governo nazionale”

Ha suscitato diverse reazioni (sui social e non solo) l’approfondimento pubblicato ieri sulla nostra testata in merito ai ritardi con cui la Regione sta trasferendo i fondi previsti per la sistemazione dei pontili dello Stagnone. Come spesso accade tra enti diversi, spesso le ragioni (e gli eventuali torti) non vanno mai in un’unica direzione, anche se il ping pong istituzionale spesso finisce per mortificare gli auspici delle comunità. Della vicenda è tornato a interessarsi in queste ore anche l’avvocato Paolo Ruggieri, componente della direzione regionale di Diventerà Bellissima.

L’ex assessore provinciale si è sempre mostrato attento alle vicende legate alla Riserva e lo scorso anno, assieme al comitato spontaneo “Salviamo i solarium dello Stagnone”, si era fatto promotore di un’iniziativa che prevedeva la manutenzione dei pontili con fondi raccolti dai privati. Il Libero Consorzio aveva però spiegato di non poter accettare questo tipo di intervento, nonostante il comitato potesse già contare su 46 promesse di donazione per una somma di circa 2.500 €.

Dopo aver letto il nostro articolo, Ruggieri ha contattato direttamente la Regione da cui ha ottenuto la risposta che di seguito riportiamo: “La somma di 100.000 € stanziata nell’ultimo bilancio regionale per il rifacimento dei pontili e del solarium ricadenti nella R.N.O. “Isole dello Stagnone” è regolarmente appostata al capitolo 672486 dell’Assessorato Infrastrutture. Non può essere trasmessa al Libero Consorzio di Trapani, ente gestore della riserva, fin quando il governo statale non approverà il bilancio regionale. Pertanto non c’è alcun ritardo addebitabile alla Regione Siciliana in ordine all’utilizzo di tali fondi per il ripristino di dette strutture lignee, tanto apprezzate dai marsalesi e dai turisti”. Di fatto, dunque, il Libero Consorzio attende la Regione, che a sua volta attende il governo nazionale…

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta