Marsala

Petrosino

Provincia

Regione

Dall'Italia e dal mondo

Covid: stato d’emergenza fino al 30 Aprile: le parole del ministro Roberto Speranza

Tiziana Sferruggia

Covid: stato d’emergenza fino al 30 Aprile: le parole del ministro Roberto Speranza

Condividi su:

mercoledì 13 Gennaio 2021 - 11:39

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha comunicato alla Camera la proroga al 30 aprile dello stato di emergenza. “Si tratta di un passaggio ampiamente giustificato da tutte le argomentazioni epidemiologiche che consente all’architettura istituzionale dell’emergenza di continuare ad esercitare le sue funzioni e il suo fondamentale lavoro”.

Nuovo Dpcm del 15 Gennaio

Il ministro Speranza ha anche annunziato il prossimo Dpcm: “Lunedi abbiamo avviato un lavoro per la stesura del nuovo dpcm che sostituirà quello del 15 gennaio, e in cui prevediamo la conferma delle misure fondamentali già vigenti e il modello per fasce differenziate”.

Casi Covid19 in aumento

“Questa settimana – ha ricordato Speranza – c’è un peggioramento generale della situazione epidemiologica in Italia, aumentano le terapie intensive, l’indice Rt e focolai sconosciuti. Non facciamoci fuorviare. L’epidemia è di nuovo in una fase espansiva”.

Cos’è l’area bianca

È intenzione del governo confermare il divieto di spostamento tra regioni anche in zona gialla, e ridurre gli assembramenti negli spazi antistanti i locali pubblici. Verrà stabilita anche una quarta area, bianca, che potrà scattare solo con livelli epidemiologici molto bassi“.  In area gialla, invece, “si riapriranno i musei come luogo simbolico della cultura del Paese”.

Disillusioni?

Nel nuovo Dpcm, è intenzione del governo confermare il divieto di spostamento anche in zona gialla e vietare l’asporto dopo le 18 dai bar e stabilire l’ingresso in area arancione di tutte le Regioni a rischio alto. “Sono 12 le Regioni a rischio alto” che entreranno in zona arancione.  “Se pensiamo di essere fuori pericolo andiamo incontro a disillusioni”.

FONTE AGI

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta