Marsala

Petrosino

Provincia

Regione

Dall'Italia e dal mondo

Furti in ospedale a Palermo e Catania. Pazienti Covid derubati

redazione

Furti in ospedale a Palermo e Catania. Pazienti Covid derubati

Condividi su:

domenica 24 Gennaio 2021 - 07:57
Furti in ospedale a Palermo e Catania. Pazienti Covid derubati

Approfittando del precario stato di salute dei pazienti, che sono spesso impediti dalla maschera dell’ossigeno fissa sul viso per via delle difficoltà respiratorie causate dalle complicanze del covid, con la scusa della sanificazione degli oggetti ne approfittano per trafugare fedi, cellulari e preziosi di ogni genere posseduti dai pazienti. Gli episodi si sono registrati negli ospedali di Palermo e Catania. Ha denunciare i furti è il Codacons Sicilia: “E’ incredibile che i reparti Covid degli ospedali siciliani, che sono inaccessibili anche ai parenti dei ricoverati, a quanto pare, stanno diventando sempre più il regno di ladri senza scrupoli”.

. Lo afferma, in una nota, il Codacons Sicilia, “dopo aver ricevuto diverse segnalazioni”, lanciando “l’allarme in modo particolare nei nosocomi di Catania e Palermo”.

Secondo l’associazione di consumatori i nosocomi di Catania e Palermo sono quelli maggiormente colpiti.

Già nel mese di marzo dello scorso anno, a inizio pandemia, i medici dell’ospedale Policlinico di Palermo avevano denunciato, con grande tristezza e rabbia, un furto negli spogliatoi, circostanza sulla quale hanno indagato i carabinieri.
I ladri avevano portato via soldi, portafogli ed altri effetti personali.
Un gesto orribile in un momento in cui i medici e gli infermieri erano, come sono tutt’ora, impegnati in prima linea nella lotta al Covid19.

Il Codacons chiede che “le Aziende Ospedaliere e le forze dell’ordine adottino tutte le precauzioni possibili al fine di arginare il vergognoso fenomeno dello sciacallaggio sui pazienti covid e comunica di aver attivato una task force di legali per fornire assistenza alle vittime”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta