Marsala

Petrosino

Provincia

Regione

Dall'Italia e dal mondo

Come scegliere gli infissi migliori per la propria abitazione

redazione

Come scegliere gli infissi migliori per la propria abitazione

Condividi su:

lunedì 12 Aprile 2021 - 00:00

Capita spesso e volentieri di dover provvedere alla sostituzione degli infissi. Non è certo un intervento che ha un costo basso, ma bisogna sottolineare come tutto dipenda dalla scelta del materiale con cui vengono realizzate le finestre. Ce ne sono diversi tra cui scegliere in commercio, ma senza ombra di dubbio quelli più diffusi sono il legno, il pvc e l’alluminio.

Il costo infissi pvc è uno dei più vantaggiosi rispetto ai due materiali che rappresentano le principali alternative, ovvero legno e alluminio a taglio termico. Infatti, gli infissi in legno costano da 300 fino a 500 euro al metro quadro, mentre quelli in alluminio a taglio termico vanno da 400 a 700 euro al metro quadro.

A cosa è legato il costo degli infissi

Come abbiamo detto, ci sono vari fattori che possono andare a incidere sulla spesa complessiva per acquistare degli infissi, serramenti o finestre. Si tratta senz’altro dei materiali, già citati, ma anche di altri elementi, come ad esempio le dimensioni dell’infisso, che vengono espresse in metri quadri e in base alla forma.

Non solo, dato che la tipologia di infisso incide notevolmente sul costo finale: è una finestra o una porta finestra? A una oppure a più ante? Ad ante scorrevoli oppure a ribalta? Le soluzioni sono numerose e, come si può facilmente intuire, possono avere un costo differente. Importante anche tenere in considerazione le finiture e gli accessori: stiamo facendo riferimento ai colori, alle serrature, al tipo di tapparelle utilizzato, all’installazione o meno delle zanzariere, alla motorizzazione elettrica e ai vetri e così via.

Infine, un’altra variabile che può incidere sul costo finale è quella relativa alla mano d’opera, che comporta una spesa che riguarda essenzialmente l’operazione di posa dell’infisso, ma anche i vari adattamenti murari e la rimozione delle finestre precedentemente installate.

I pro e contro del pvc

Tra i materiali maggiormente diffusi, come dicevamo in precedenza, c’è anche il pvc. Il motivo è abbastanza semplice da intuire, dal momento che si tratta di un materiale che presenta delle importanti caratteristiche ed è in grado di garantire un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Un infisso realizzato in pvc presenta un costo che, mediamente, si aggira tra 150 e 300 euro al metro quadro.

I vantaggi di scegliere il pvc sono diversi. Prima di tutto, questo materiale è in grado di garantire un notevole isolamento dal punto di vista termico, proprio per via del basso livello di conducibilità del calore che lo caratterizza. Inoltre, riesce a raggiungere un buon livello anche di isolamento acustico, riuscendo ad evitare che, all’interno dell’abitazione, si sentano distintamente tutti i rumori che provengono dall’esterno. Inoltre, il pvc non ha bisogno di alcuna manutenzione, così come si caratterizza per essere notevolmente resistente rispetto al fuoco, oltre che per durare molto bene nonostante il passare del tempo.

Tra gli svantaggi del pvc, invece, troviamo sicuramente il fatto che le finestre realizzate in pvc scure, subiscono la tendenza a lasciare per strada un po’ di colore nel caso in cui rimangano esposte per lungo tempo al sole. Nel caso in cui, quindi, il pvc non dovesse rientrare tra le vostre soluzioni preferite, ecco che il legno, elemento naturale, potrebbe rappresentare la soluzione perfetta per le vostre esigenze.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta